Blog: http://scrittricesivive.ilcannocchiale.it

TEMPORALE

Aprire gli occhi di mattina, socchiuderli per un attimo e trovarsi già in un pomeriggio torrido della nuova estate. Un'estate invernale per ora, con tratti psicologici di fuga, misti alla voglia indispensabile di sole. Fa caldo. Camminare quindi lenti verso il frigo alla ricerca di un succo d'arancia. Versarlo in un bicchiere, pensare di trangugiarlo e invece sorseggiarlo al ritmo di una succhiatina al minuto per sessanta interminabili istanti, mentre le persiane alle finestre sono ancora chiuse, e da fuori filtra l'impressione di una decina di gradi di temperatura in in più rispetto all'interno. Scrivo due pensieri ed è già trascorsa mezz'ora. Se ne penso un'altra temo si facciano le sei. Penso. Brutto affare. Ma preferisco ancora una personalità depressiva ad una nevrotica. Senza dubbio più utile a me stessa. Persa nei miei demoni.

(strada x Tremosine, Lago di Garda)


"Credevi che un eremita vivesse in un eremo
e invece abita in una casetta con giardino
in un gaio boschetto di betulle,
dieci minuti dalla strada,
per un sentiero con cartelli segnaletici."

                                                     Wislava Szymborska

Pubblicato il 22/6/2005 alle 17.23 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web